Cinque stranezze

Hanno incastrato anche me nel giochino delle cinque stranezze che gira per blog in questo periodo… et voilà.

Il primo giocatore inizia il suo messaggio con il titolo “Cinque tue strane abitudini”, e le persone che vengono invitate a scrivere un messaggio sul loro blog a proposito delle loro strane abitudini devono anche indicare chiaramente questo regolamento. Alla fine dovrete scegliere 5 nuove persone da indicare e linkare il loro blog. Non dimenticate di lasciare un commento nel loro blog o journal che dice “Sei stato scelto” (se accettano commenti) e ditegli di leggere il vostro.

1) Guardo il mondo da circa un metro sotto la media; ne consegue che, tra la folla, dispongo di ottima visuale dei culi altrui.

2) Fischietto sempre. Fischietto qualcosa che conosco o, se sono ispirata, compongo intere sinfonie. Fischietto anche per strada, se è una giornata in cui sono particolarmente coraggiosa; altrimenti quando sono da sola - e specialmente mentre traduco una versione di latino. (Oh, ci sono tanti di quei tempi morti, sfogliando il dizionario…)

3) Soffro di sindrome da disegno compulsivo. Se ho una matita in mano e un foglio nel raggio di trenta centimetri, quel foglio smetterà di essere bianco entro breve. Si va dal ghirigoro al ritratto di chi mi sta di fronte, passando per studi vari delle mie mani e paesaggi in genere. Le conseguenze sono due: a) se rivendessi i miei libri scolastici, non me li pagherebbero una cicca - almeno, finché non diventerò una famosa artista U.U. b) quando la Garelli mi sgama, s’incazza perché sono disattenta.

4) Dispongo di tre o quattro calligrafie completamente diverse, da sfoderare all’occorrenza. Vendesi lettere minatorie per ogni necessità.

5) Ho un’attaccamento maniacale ai luoghi simbolici, legati a qualche ricordo. Sono in grado di restare ore intere a contemplare ebete un posto importante, perdendomi in conversazioni immaginarie con gente che non c’è.
No, ok, non sono schizofrenica. E se lo fossi, mi piacerebbe restarlo.

Passo il testimone ai miei cinque compagni blogger – e a chiunque altro voglia raccoglierlo!

{ Leave a Reply ? }

  1. canaja

    Va bè, girando per il blog ho incontrato una col naso lungo! che guarda caso è pure insegnante, come me.

    Il dilemma delle ore buche è lungo, tormentato, irrisolto, soprattutto mal digerito. Ma ho risolto il quiz, ci vuole esperienza per certe cose, 20 ore di cattedra ed il tormento è finito, tranne nelle occasioni speciali. Ma siccome devo fuggire continuerò appena posso, per intanto ti linko.

  2. toppe

    (…ma chi sarebbe l’insegnante nasuta? O.o)

  3. cristhina6000

    ciao,sono arrivata per caso passeggiando un saluto

  4. utente anonimo

    io sono una tua compagna blogger?

    ELE

  5. toppe

    Mmm… vediamo… considerando che ti vedo spesso bazzicare il banco accanto al mio, suppongo tu sia una mia compagna ^^ in quanto al blog, mi pare tu abbia anche quello…….. che dici? ;-)