Monthly Archives: novembre 2011

Mi auguro

di assuefarmi un giorno alla tristezza
per quelli che alla festa mancheranno,
e per chi di loro mancherà
tutto il resto del tempo.

[Certo che è assurdo essere tristi per troppo amore]

(Tanto per rallegrarsi)

“I partecipanti a uno studio che pensavano di essere leggermente in ritardo per l’appuntamento con lo sperimentatore erano meno propensi a fermarsi ad assistere un collaboratore in incognito, che fingeva di sentirsi male, rispetto a coloro che pensavano di avere tempo in abbondanza.

Ciò si verificava anche quando i partecipanti erano studenti di teologia, che si preparavano a diventare ministri del culto, e il loro appuntamento consisteva nel fare una predica di esercitazione sulla parabola del Buon Samaritano.”

LoL.
(Tanta stima per lo psicologo che ha ideato un esperimento del genere)

“Continuo a dirmi

che è meglio così, eppure lo vivo come una specie di lutto.
Bisognerebbe avere una finestra sul futuro, da poter aprire almeno due o tre volte nella vita, nel momento di scegliere una strada. Uno si affaccia, vede come andrebbe a finire la storia, e poi decide.

Così, invece, mi rimane, – rimarrà sempre? – a tarlarmi la testa, il dubbio di come sarebbe stato.”

17 agosto 2010,
lasciando una Facoltà.

Quel dubbio, grazie al cielo, no, non è rimasto per sempre. Una scommessa l’ho azzeccata.
E la prossima?

Chiusi

i suoi lego nella scatola,
il suo pigiama nell’armadio,

vediamo cosa resta.

Indovinello

A, B e C devono attraversare il fiume su una barca.
A e B non devono trovarsi contemporaneamente sulla barca.
C può stare in barca solo insieme ad A e B,
altrimenti affonda.

Idee?