Le Mille Porte

“Le strade di Fàntasia”, disse Graogramàn, “le puoi trovare solo grazie ai tuoi desideri. E ogni volta puoi procedere soltanto da un desiderio al successivo. Quello che non desideri ti rimane inaccessibile. Questo è ciò che significano le parole “vicino” e “lontano”. E non basta volere soltanto andar via da un luogo. Devi desiderarne un altro. Devi lasciarti guidare dai tuoi desideri.
[...]
Attraverso il labirinto delle Mille Porte ti può guidare solo un vero desiderio. Chi non lo ha è costretto a continuare a vagarci dentro fino a quando sa esattamente che cosa desidera. E questo talvolta richiede molto tempo”.

(Micheal Ende, La Storia Infinita, p. 240)

Connessioni sparse:
F. che si spegneva per mancanza di desideri – M. che seguiva da sempre un solo, vero desiderio – i pazienti che vagavano in cerca dell’unico desiderio impossibile – G. che lotta per distinguere i propri desideri da quelli altrui –
io che rimbalzo incerta, prigioniera tra le Mille Porte, illusa che ciascuna sia migliore.

{ Leave a Reply ? }

  1. Tartufone

    La qualità dei commenti è caduta in un abisso, o forse, per vedere il bicchiere mezzo empio, si è impennata la loro sinteticità. I tasti scottano, si sa, di questi tempi, ma è irresistibile pensare che la scrittura, la lettura, la meraviglia si partano lentamente inesorabilmente. Per ritornare, credo. Io ho aperto così tante porte che sono chino su me stesso a rifiatare. Ma continuo a dubitare che la metafora sia valida: ce ne vorrebbe una molto più dinamica. Perché la vita, se non desideri, non ti lascia aspettare, ti prende a sciabolate in faccia. Qualcosa di più bellico.

  2. toppe

    Spero che la qualità dei miei post non segua i commenti. Inoltrerò a Micheal Ende le tue rimostranze sulla metafora. Personalmente, direi una delle mie banalità relativiste, e cioè che la vita nell’attesa a volte ti sciabola, altre ti addormenta. Ma non sono nella posizione di dir nulla per esperienza, e temo nemmeno tu: abbiamo sempre, intensamente, desiderato.

  3. Tartufone

    Decisamente relativista…