Mc Donald – 2

Ora ho un personaggio anch’io. Mi chiedo se qualcuno noterà che leggo mangiando. A me hanno sempre incuriosito quelli che mangiano con un libro, verrebbe da sollevare un po’ la copertina col pollice e chiedere “scusa, cosa leggi?”.
(E perché lo leggi? Perché proprio questo? Perché ti piace? Chi è il protagonista? Cosa c’entra con te? E chi sei tu?)

Forse il signore davanti a me non è un barbone. In effetti ha solo una sciarpona troppo grossa e i capelli grigi spettinati. Lo zaino sotto al tavolo sembra presentabile. E’ sovrappensiero. La notizia felice l’ha già detta, ora forse il tizio immaginario dietro le mie spalle gli ha risposto qualcosa che lo ha incupito.

Mi accorgo che anche io, in fondo, sto parlando con qualcuno. Da quando sono al tavolino mi faccio compagnia raccontandomi la mia telecronaca del mondo esterno.

E s t e r n o.
Decisamente fuori di me. Guardo e descrivo, non agisco. Non c’è contatto.
Penso al mio coinquilino che ogni giorno, tornando a casa, racconta di una persona conosciuta a caso su un autobus, per strada, a una conferenza, e di cui sa già mezza vita e numero di telefono. Chissà come fa.

- Buon appetito!
Mi dice d’improvviso la voce rosa. Mi sorride, intercettando una pausa tra una pagina e una patatina. Accidenti, qualcuno mi trascina d e n t r o. Contatto.
Dico “Grazie” troppo in fretta e a voce troppo forte, a teatro avrei sbagliato, a teatro abbiamo studiato i diversi volumi di voce a seconda della distanza tra le persone, bene, era una distanza al massimo da livello due, io invece ho inspirato in fretta gonfiato la pancia impostato la voce e proclamato “grazie”.

Ha detto “grazie” il mio personaggio, quello che aveva tirato fuori un libro perché qualcuno si chiedesse chi era. Ha controllato se poteva dire “altrettanto”, ma ragazza immagine e ragazzo sopracciglia hanno già finito di mangiare; così non ha trovato altre battute sul copione, ha rilassato la pancia, abbassato gli occhi sulla pagina, addentato senza guardare un’altra patatina.

{ Leave a Reply ? }

  1. Tartufone

    Succede solo da Mc Donald’s.

    Meravigliosa sintesi.

    Sintesi di umanità, sintesi di cibo, sintesi di felicità.

    Ah, il Mac.

  2. Alberto

    ^_____^

  3. toppe

    Tart: sapevo che non avresti potuto ignorare un post sul mcdonald…

    Alberto, la tua anonima presenza mi incuriosice: chi sei?

  4. Alberto

    Ahaha Bella domanda ^_^
    Penso che la mia anonima presenza rimarrà tale… Abito in provincia di modena in un bel paesino di campagna…Ho 24 anni,fra poco 25 oddio.
    Ho studiato fisica per un po…e ora sono finito a fare il programmatore.
    In definitiva uno sconosciuto. ^__^
    Caspita pensavo di essere finito tra le economie!e invece…

  5. toppe

    Beh, benvenuto! Chissà quale onda virtuale ti ha spiaggiato tra i miei quattro lettori. Peccato solo che la tua (non più) anonima presenza non possa… nomarsi meglio con un url ;)

  6. Alberto

    Grazie del benvenuto ^_^
    purtroppo non ho url con cui nomarmi meglio…Oddio ho tanti url ma nessuno mio.
    e a dir il vero non mi ricordo nemmeno come sono arrivato qui…