Ma quello che si cerca

"Comunque" disse il lettore "anche dagli errori si impara. Contengono una verità fraintesa ed è questa che in fondo interessa".
"Qual è l’errore più grave secondo lei?" chiese l’editore.
"Forse quello di porsi un fine sbagliato".
L’editore scosse la testa:
"I risultati dipendono solo dai mezzi che uno ha."
"Ma anche il fine è un mezzo per riuscire, non crede?".
Guardando verso la porta aggiunse:
"Il problema non è quello che si trova, ma quello che si cerca".

(Giuseppe Pontiggia, Lettore di casa editrice)

{ Leave a Reply ? }

  1. giulio

    wow! brenso!

  2. giulio

    ma una curiosità: tutte le poesie di sereni, saba , ungaretti etc etc… dove le sgami, che mi piacciono?

  3. toppe

    …EHI, stai bene? Hai detto che ti piacciono poesie non in lingue morte? :D
    Beh, quelle dei poeti laureati in genere sono ricordi del corso di Bertoni. Quelle un po’ più ignote le trovo su internet, ad esempio http://liberinversi.splinder.com