A forza di osservarmi

ho imparato a leggere tutti i livelli del mio umore.
C’è quello che si diverte – incredibilmente – chiacchierando con Gianma e gli altri,
e quello che a tratti mi fa perdere lo sguardo nel vuoto, dietro alla solita nostalgia.

A volte mi scopro a osservare tutto questo come dall’esterno – sarà colpa del manuale di psichiatria – e con un certo distacco, quasi chiedendomi chissà quale neurotrasmettitore mi è improvvisamente calato nel cervello.
Osservo l’oscillazione, fino a un certo punto le dò corda (ci sono comunque dentro, non posso non credere per niente a ciò che sento) e intanto aspetto che passi, sperando che stavolta duri poco.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>